«Con la fusione Medusa Taodue film e fiction in un’unica major»

Accordo tra la società di cinema e quella di miniserie

da Milano

«Puntiamo a creare la prima vera major italiana che produca cinema e fiction, sul modello delle grandi case americane»: parola di Piersilvio Berlusconi, vicepresidente Mediaset. È questa la notizia di giornata: l’accordo in casa Mediaset per una joint-venture in cui confluiranno Medusa Film, controllata da Rti attiva nel settore cinematografico, e Taodue, società posseduta da Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt, che opera nella produzione di fiction d’autore. La Taodue è la società italiana che ha uno stile di produzione più vicina a quella delle serie americane. Per intenderci, è quella che ha firmato tutti i maggiori successi di fiction trasmessi in esclusiva da Mediaset negli ultimi anni: a cominciare da Il capo dei capi per finire con Distretto di polizia, Borsellino, Ultimo, Karol e Maria Montessori, tanto per citare alcuni titoli del passato. Nei prossimi mesi, invece, sempre su Canale 5, arriveranno le miniserie dedicate al sequestro Moro e Bernardo Provenzano. Negli Stati Uniti la Fox, la Buena Vista, la Warner producono film per il grande schermo e telefilm per il piccolo. «Unendo la società leader italiana nel cinema e quella leader nella fiction di qualità, nasce una joint-venture che potrà sfruttare il ciclo commerciale completo dei prodotti. Con questa fusione - sottolinea ancora Piersilvio Berlusconi - vogliamo a realizzare sinergie tra autori, sceneggiatori, registi, attori. L’ambizione è un’ulteriore crescita nel mercato italiano, con forti prospettive di sviluppo all’estero».
L’operazione darà vita a una nuova società con un patrimonio netto di circa 370 milioni di euro in cui confluiranno il 100% di Medusa e Taodue. Il 75% della nuova società sarà controllata da Rti mentre agli azionisti di Taodue andrà il restante 25% e un conguaglio di circa 107 milioni di euro.