Futura chiede l’ammissione a Piazza Affari

L’investment company Futura ha presentato ieri la richiesta alla Consob e a Borsa Italiana per l’ammissione alla quotazione a Piazza Affari che avverrà attraverso un’offerta pubblica di sottoscrizione. Futura ha tra i propri azionisti la Fondazione Cariplo (70%), il gruppo Amenduni (8,9%), la Cassa di Risparmio di San Miniato (4,7%), Mediolanum Vita (2,4%), H-Invest (2,3%), State Street Global Advisors (2,4%), Zambon Company (2%), Soci Ixos - family office di Torino - (7,3%). Il patrimonio attuale di Futura è costituito per circa due terzi dal 50,9% delle quote di Fondamenta, fondo chiuso gestito da State Street Global Investment.