Il future brilla e conferma l’ottimo 2006

Il mercato azionario ha confermato la sua forte dinamica riprendendo quasi tutto il terreno perso nell’ottava precedente. Con scambi vivaci e una apertura subito in gap il future ha proseguito la sua corsa attestandosi in chiusura di venerdì a 41770, contro il dato precedente a 41175. Siamo al giro di boa del 2006 e i risultati dell’anno sono evidenti: l’indice tedesco, il Dax, ha messo a segno il 22,20%, l’indice italiano, il Mibtel, +18,70%, il Dow Jones +16,63% oltre quota 12500, record assoluto. In Cina la produzione industriale è cresciuta a un ritmo del 17% e il Pil chiuderà l’anno con una crescita intorno al 10,5%. Il trend del mercato rispecchia la positività di tutti i dati macroeconomici pubblicati e anche per quelli attesi per l’anno 2007. Il sentiment dei gestori dei fondi evidenzia la propensione dell’investimento azionario per tutto il primo semestre del 2007. Preoccupazione della Bce sul dato M3 salito oltre le attese. Attenzione sempre vigile per la Consob su qualsiasi variazione della composizione azionaria delle Generali Spa ma il vero campo di battaglia si aprirà con l’assemblea degli azionisti ad aprile 2007. Dietro l’accordo con cui Meridiana acquisterà il 29,95% di Euroflay, voci insistenti vedono Karim Aga Khan interessato al progetto di acquisizione dell’Alitalia.