Il futuro è donna Ecco l’hi-tech fatto solo per lei

Computer in colori pastello e web-cam con lo specchio per un giro d’affari da 55 miliardi di dollari

Eleonora Barbieri

da Milano

La bimba si è messa a ballare in mezzo alla strada, ma la mamma ha l’ombrello in una mano, un sacchetto nell’altra, la borsetta pesante come una valigia: può riuscire a scattare una foto? Le nuove macchine digitali dicono di sì: ne esistono di leggerissime, ultracompatte, con un menu così immediato che si può tranquillamente scorrere anche con una mano sola.
È solo un esempio di come le tecnologie si siano sviluppate pensando sempre più al pubblico femminile visto che, negli ultimi anni, le donne hanno decisamente ampliato il raggio dei propri acquisti e buttato l’occhio anche alle vetrine hi-tech. E così le grandi aziende produttrici hanno scoperto che le signore possono essere una fonte di reddito non indifferente, tanto che all’ultima edizione del «Consumer Electronics Show» di Las Vegas, i dati parlano di 55 miliardi di dollari l’anno. La manifestazione ha istituito un’apposita sezione per premiare le idee più innovative, dal titolo «Technology is a girl’s best friend», evocativo non soltanto del motivetto di Marilyn Monroe ma, anche, dei costi che certe delizie tecnologiche possono raggiungere, tanto da sostituire i più banali diamanti come regalo.
L’hi-tech al femminile parte dal colore, come quello del «Vaio» della Sony, pc ultrapiatto da scrivania disponibile in tonalità pastello come rosa e azzurro o un più passionale arancione, da abbinare alla stanza della propria casa; mentre il set di cuffie «Pink diamante bluetooth» Pama 7008 mette in mostra brillanti falsi (costa 70 euro), ma decisamente appariscenti. Per quanto riguarda le cuffie, Saitek propone un nuovo modello bluetooth che consente di ascoltare la musica preferita per 8 ore, mentre il cd o l’mp3 stanno comodamente dispersi nella borsa.
In realtà è più facile che si tratti di un iPod: la mania per il prodotto della Apple ha a tal punto conquistato le donne che, ormai, le versioni al femminile non comprendono soltanto custodie colorate, con disegni di frutta o arcobaleno ma, anche, un intero set dedicato a Snoopy, mentre «Street chic fashion» si è specializzata in collanine porta-iPod, mini-custodie in pelle, ricamate o decorate con piccoli gioielli. E se già esiste un’apposita «Tune-buckle», cioè una fibbia per agganciare il lettore alla cintura, la vera novità sono i «Red Wire Dlx», i jeans che la Levi’s ha studiato appositamente perché le tasche siano «i-Pod compatibili», e che dovrebbero arrivare nei negozi in autunno.
Somiglia a un cellulare la «Ge Glam Cam» che però, come suggerisce il nome, è una web-cam assolutamente glamour: rosso sgargiante, piccolissima e dotata di specchio, per controllare trucco e capelli prima di contattare gli amici o il fidanzato. Più femminile di così, c’è soltanto la borsetta, che si è infatti adattata alle dimensioni del portatile, ma dotata di tasche portacellulare e pochette per il trucco, come il modello in pelle di Mobile Edge.
Per chi è ossessionata dalle previsioni del tempo, Ambient devices ha appena creato un ombrello il cui manico si illumina di blu quando è elevato il rischio di pioggia; mentre per le più smemorate il sito «Shiny shiny», specializzato in gadget al femminile, suggerisce l’«iSpot», sensore senza fili per localizzare fino a quattro oggetti, con chiavette di diverso colore: basta non dimenticare a che cosa corrispondono.