Il futuro tra l’Egitto e il Dubai

Roma. La frenata della trattativa con gli americani è l’argomento principe delle trasmissioni radiofoniche. Molti ascoltatori parlano addirittura di “tradimento” dei Sensi che avrebbero stoppato Soros in favore di una non ben precisata cordata araba interessata al club di Trigoria. Ieri sono girati molti nomi: dall’egiziano Naguib Onsi Sawiris, presidente della Wind, sponsor della Roma, a Tarak Ben Ammar che ha molti affari in Italia (fra cui la tv Sportitalia) fino agli emiri del Dubai, che già avevano tentato di acquistare il Liverpool. Nessuna conferma, tutte ipotesi. E qualcuno parla anche di bluff. Di sicuro gli emissari americani si sono alzati dal tavolo della trattativa un po’ seccati, anche se si sussurra di un possibile rilancio nella giornata di martedì. Infine l’ipotesi forse più fantasiosa: un’alleanza tra Soros e l’altro miliardario Usa Fisher, che nel frattempo resta alla finestra in attesa di sviluppi. Non sempre le alleanze funzionano nel calcio: al Liverpool i patron Hicks e Gillett litigano fra loro.