G8, 102 anni ai no global

Emessa la sentenza sulle devastazioni e i saccheggi di Genova: condannati a 102 anni di reclusione 24 degli imputati nel processo per gli episodi del luglio 2001. Nadia Sanna assolta per non aver commesso il fatto. Dimezzata la richiesta dei pm

Genova - Sono stati condannati ad oltre 102 anni di reclusione 24 dei 25 no global imputati di devastazione e saccheggio durante le manifestazioni del G8 del 2001 a Genova. Una sola imputata, Nadia Sanna, è stata assolta per non aver commesso il fatto. I 24 no global sono stati condannati a pene comprese tra un minimo di cinque mesi ed un massimo di 11 anni, inflitti a Marina Cugnaschi, 41 anni di Lecco, ritenuta appartenente ai black block. Per lei i pm avevano chiesto 16 anni di reclusione, la pena più alta. Massimiliano Monaio, considerato il responsabile del lancio di una trave verso una camionetta dei carabinieri, è stato condannato a cinque anni. La sentenza è arrivata dopo sei ore di camera di consiglio. I pm Anna Canepa e Andrea Canciani avevano chiesto complessivamente la condanna a 225 anni di reclusione. L’accusa di devastazione e saccheggio è stata riconosciuta solo per una decina di imputati.

Gli imputati Il collegio giudicante, presieduto da Marco Devoto, ha condannato a 7 anni e 6 mesi Arculeo, a 1 anno e 4 mesi Bonetti e Caffagnini, a 7 anni e 10 mesi Cuccomarino, a 11 anni Bugnaschi, a 1 anno e 8 mesi D’Amico, a 1 anno e 5 mesi D’Avanzo, a 1 anno e 6 mesi De Andrade, a 6 mesi Degli Innocenti, a 1 anno e 5 mesi Di Pietro, a 1 anno e 2 mesi Fiandra, a 10 anni Finocchi, a 11 mesi Firouzzi, a 10 anni e sei mesi Puglisi, a 9 anni Funaro, a 5 anni Monai a 6 anni Morasca a 1 anno e 5 mesi Da Re, a 2 anni Putzolu e a 1 anno e due mesi Toto.