La gabbia impiccata

Scarnificata gabbia che inclina che balla
tutta vuota che ci passa aria
un po’ di polvere che sfarfalla
e niente più. Chi fa la musichetta
con l’armonica stonata, tristosetta?
Non si sa. Mia gabbia fuori squadra
morsa dalla ruggine e dal guano
che dondoli se ti tocca una mano...
Grigiorosea nube di carne non c’è più
sul carillon di ossa che suona
rimane il ricordo di quello che fu.
Tonino Conte, Non il fiore ma la cipolla
sulfurea, il melangolo