Gabbiani presi a fucilate: è caccia aperta al cecchino

Ritorna il fucilatore di gabbiani. Dopo l'esemplare ferito gravemente ad Albissola Marina 15 giorni fa, un altro gabbiamo è stato colpito l’altro giorno da proiettili flobert poco distante, in via Lanfranco nel comune di Albisola Superiore. Ed anche questa volta sono intervenuti i volontari dell'Enpa, alle prese in questa stagione con il soccorso di decine di volatili in difficoltà; il veterinario dell'Enpa lo ha subito operato, gli ha estratto i pallini dal collo e ricomposto le lesioni; ed anche lui è ora in convalescenza presso il centro di via Cavour, assieme agli altri soggetti soccorsi. «Dopo la criminalizzazione dei gabbiani, ingiustamente accusati di attaccare e ferire turisti e bambini nel ponente ligure, continuano quindi le esecuzioni nel savonese - dicono all’Enpa di Savona -, un brutto biglietto da visita per la Riviera invasa dai turisti». Le guardie zoofile dell'Enpa presenteranno alla procura della repubblica di Savona una notizia di reato, per il momento a carico di ignoti, per maltrattamento di animali. I responsabili rischiano, per la violazione dell'articolo 544-ter del Codice Penale, la reclusione da tre mesi ad un anno o la multa dal 3.000 a 15.000 euro. Chiunque infine possa dare informazioni utili, anche anonime, è pregato di telefonare al numero 019/824735, fax 019/802470 o mandare una mail a savona@enpanet.it