Il gabinetto è di sinistra

Al gran circolo degli spiati mancava un nome: Vladimir Luxuria, al secolo Vladimiro Guadagno, prima parlamentare transgender eletta sotto le insegne di Rifondazione comunista. A rivelarlo è stata la stessa Luxuria, che alla Stampa di Torino ha confessato: «Mi hanno teso un agguato, qualcuno ha avvertito la Gardini con un sms». Da qui la presunta incursione nel bagno di Montecitorio dell’onorevole azzurra. Per Luxuria, semplice deputato, un’astuta mossa pubblicitaria per tentare la scalata a un altro gabinetto. Quello Prodi.