Gadonneix (Edf) «gioca di sponda» su Suez-Gdf

L’ad di Edf, Pierre Gadonneix, è nuovamente intervenuto ieri nella vicenda Enel-Suez: l'accordo che dovrebbe aprire a Enel le forze del mercato dell'energia in Francia e l'accesso al nucleare sarà finalizzato quando «tutta la situazione generale sarà chiarita» ha infatti dichiarato, sottolineando che «i rapporti tra i due operatori sono buoni e non vi è alcun problema tra di loro». «Il memorandum of understanding è stato firmato. Se l'accordo non è stato formalizzato è perché si aspetta che la situazione generale si chiarisca» ha detto Gaddoneix, riferendosi indirettamente agli sviluppi del dossier Enel-Suez-Gdf. Gadonneix sembra però aver dimenticato che l’ingresso dell’Enel nelle centrali nucleari di nuova generazione era stato concordato in seguito al via libera all’acquisto di una quota di maggioranza relativa in Edison. E senza alcun riferimento alla vicenda Suez che era ancora da venire. Edf ha assunto il controllo di Edison dall’autunno scorso assieme ad Aem Milano, diventando il secondo operatore in Italia, ma la parte dell’accordo sul nucleare francese non è mai stata finalizzata.