La gaffe di Chirac sull'Iran: "Se Teheran dovesse sganciare una bomba nucleare su Israele verrebbe rasa al suolo". Poi ritratta tutto

Parigi - Gaffe del Presidente francese Jacques Chirac sull'Iran. Il capo dell'Eliseo è apparso imbarazzato dopo aver dichiarato che non vi sarà alcun grave pericolo se l'Iran sarà in possesso di una o due testate nucleari. Chirac lunedì scorso aveva rilasciato una intervista all'Herald Tribune, pubblicata oggi dal quotidiano americano basato in Europa. «Direi che ciò che è pericoloso (relativamente alla crisi nucleare iraniana, ndr) non è il loro possesso di una bomba nucleare. Una o forse di una seconda testata poco dopo, beh, questo non è molto pericoloso». «Dove sgancerebbero la bomba? Su Israele? Prima che arrivi a 200 metri nell'atmosfera, Teheran sarebbe già stata rasa al suolo», ha aggiunto.

I giornalisti a cui il Presidente aveva rilasciato l'intervista sono stati richiamati martedì all'Eliseo, dove Chirac ha di fatto ritrattato le sue dichiarazioni del giorno prima, sottolineando di aver parlato troppo in fretta, e di aver ritenuto che i suoi commenti fossero fatti a microfoni spenti. «Sono io a essermi sbagliato, e non lo contesto. Ritratto senza alcun dubbio quello che ho detto: parlare di radere al suolo Teheran è ovviamente un modo di dire. È ovvio che se questa bomba fosse lanciata al momento, sarebbe immediatamente distrutta», ha aggiunto.