Gaffe della Palin sul Senato Obama in Indiana, poi alle Hawaii

Nel corso di un'intervista in tv la vice di McCain, nel ricordare i suoi compiti qualora fosse eletta alla Casa Bianca, ha detto che ci sarebbe quello di presiedere il Senato. Intanto Obama affronta l'ultimo comizio, in Indiana, prima di volare dalla nonna alle Hawaii

Washington - Se John McCain sarà eletto presidente la prima cosa da fare è un ripasso sui compiti del vicepresidente a Sara Palin, convinta che dovrà abitualmente "presiedere il Senato". Lo strafalcione - negli Usa il vicepresidente partecipa alle votazioni nella Camera alta solo ed esclusivamente in caso di impasse su un provvedimento per la perfetta parità tra democratici e repubblicani - è stato pronunciato dalla governatrice dell’Alaska nel corso di un’intervista alla rete "Kusa" in Colorado. Il vicepresidente, ha detto, "guida il Senato...e se vuole può fare un sacco di cambiamenti politici". In realtà al di là di un mero ruolo di rappresentanza il vice presidente è importante  per una cosa: diventa presidente se questi muore. Non è cosa da poco, ovviamente.

Obama in Indiana, poi alle Hawaii Il candidato democratico Barack Obama terrà un comizio in Indiana, Stato che nel 2004 votò per il repubblicano George W. Bush, dove cercherà di convincere gli elettori che lui, e non McCain, garantirà una politica fiscale a favore delle famiglie della classe media statunitense. Il senatore dell’Illinois volerà poi alle Hawaii, come annunciato martedì, per una visita di due giorni alla nonna di 86 anni, Madelyn Dunham, gravemente malata. La recente crisi finanziaria, partita dagli Stati Uniti e diventata presto globale, ha assicurato a Obama un notevole vantaggio su McCain, ma il senatore dell’Arizona può ancora attrarre gli indecisi puntando sui suoi messaggi anti-tasse. Per questo ieri a Richmond, in Virginia, Obama ha precisato che la differenza tra i piani proposti dai due candidati consiste su a chi "lui (McCain) vuole tagliare le tasse e a chi io le voglio tagliare". "Con me le imposte saranno inferiori a quelle del periodo di Ronald Reagan".

La visita alla nonna In un’intervista concessa oggi alla Cbs, Obama ha detto che non è stato difficile decidere di volare alle Hawaii. Ha raccontato di essere arrivato tardi per la morte della madre, uccisa da un cancro alle ovaie all’età di 53 anni nel 1995, e ora non vuole compiere lo stesso errore. "Mia nonna - ha detto - è l’ultima rimasta" della famiglia. Madelyn Payne Dunham, la nonna di Obama, che domenica prossima compirà 86 anni, è stata ricoverata in ospedale a Honolulu, dove vive, per la rottura di un anca. L’anziana è già stata dimessa ma le sue condizioni di salute sono peggiorate. Tra la signora Payne e Obama il legame è fortissimo: il nipote, adolescente, lasciò la madre e il nuovo marito di lei, trasferitisi in Indonesia, per vivere alle Hawaii con i nonni materni.