La gag sui 2 miliardi. Era il premio al Superenalotto?

Video horror, l’ha ribattezzato il popolo di Youtube. Che alla luce delle ultimissime rivelazioni su Lady Fini, ha rimesso in rete l’ancora cliccatissimo filmato girato anni fa nel castello di Gaucci fra Elisabetta Tulliani e l’allora fidanzato, presidente del Perugia Calcio, l’innamoratissimo Lucianone. Filmato che venne ripreso dalla trasmissione sportiva Controcampo, rilanciato da Striscia la notizia (con successiva ira del neo fidanzato Gianfranco Fini) e da Blob poi. Dopodiché intervennero gli avvocati di lei, e del video non se n’è più saputo nulla per un bel po’, fino a che il sito di Repubblica non l’ha ripescato dall’archivio e l’ha divulgato urbi et orbi grazie anche alla delazione gossippara di Dagospia.
Oggi il video-soap torna di moda, per un passaggio di quello struggente botta e risposta che iniziava così. Gaucci: (sottofondo musica di Beautiful) «Elisabetta, se ti va vieni a fare una gita nel castello, alla sala Sforza». Ancora. «Sono un fatalista, pensando al fatto che eri compagna di scuola di mio figlio Alessandro, destino ha voluto che ci incontrassimo e ci amassimo». E Lei, Elisabetta: «Sì, è questione di destino. Tu mi hai subito colpito». Oppure. Gaucci: «Elisabetta cosa leggi?». Tulliani: «Una grande storia d’amore». G: «Ah, ma lo sai che potrei essere tuo padre?»”. T: «E allora io potrei essere tua figlia». G: «E per fortuna non lo sei…».
Lo scambio di battute su cui stanno ragionando gli avvocati di Gaucci alle prese con la questione della vincita da due miliardi al Superenalotto, è però il seguente: (immagine sui due ex fidanzati accanto a un’automobile di lusso). Tulliani: «Che bel gioiello, è?». Gaucci: «A proposito di gioiello. C’è un giocatore che vuole due miliardi in più di ingaggio. Che cosa vuoi che io faccia? L’ingaggio del giocatore o un gioiello per te?». T: «Fai tutti e due...». G: «Ma poi i miliardi diventano quattro». Ecco, questo riferimento ai due miliardi potrebbe riferirsi, secondo l’entourage di Gaucci, proprio alla super vincita contestata.