Gainsbourg in bianco e nero Scocca l’ora della seduzione

Sarà per il tacco a spillo che d’improvviso s’impadronisce dello schermo; sarà per il seno che l’inquadratura trasforma da adolescente a sensuale, sarà che è pur sempre la sorpresa l’arma vincente della seduzione eppure chi se l’aspettava Charlotte Gainsbourg, così diafana così eterea così letteraria, svestita neppure fosse una Lolita, sublimata dal bianconero e dalla penombra, accompagnata dalla sua canzone che spiega l’amore a Parigi, notturno, lentissimo, estenuante. Allora ci vuole il fisico per sorprendere, e ci vuole imperfetto proprio come il suo, che su tutto si appoggia tranne che sulle forme tradizionali, cioè il seno da novanta o i fianchi matronali o le gambe lunghe da qui a lì velate di seta. Perciò il video di 5:55 è un gioiello da sera che risplende senza luci e senza trama, visto che è il susseguirsi di inquadrature che hanno solo il gusto di compiacere, di spiegare che l’attrice, figlia di Serge e Jane Birkin, lanciata da Zeffirelli e coccolata da Inárritu, si è presa cinque minuti e 55 di malizia ed eccoveli qui, così spontanei che uno neppure si accorge che il regista dietro alla telecamera è Yvan Attal, il suo compagno da 15 anni alla faccia di chi pensa che l’eros sia solo fulmini.

CHARLOTTE GAINSBOURG - 5:55 (Warner)