Al galà del 10 agosto in campo il Penarol

Tutto deciso. La serata di gala della Sampdoria, quella per celebrare i sessant’anni, si terrà al Ferraris giovedì 10 agosto. In campo, di fronte, un avversario più che blasonato: alle 21 infatti si disputerà la partita con il Penarol, squadra dell’Uruguai che conta al suo attivo ben 47 scudetti. Ma prima di scendere in campo, alle 20, la Sampdoria si presenterà ai suoi tifosi. A «condurre le danze», ancora una volta l’applauditissimo blucerchiato doc Corrado Tedeschi. Intanto, nell’attesa, i blucerchiati a Moena si destreggiano tra crostate dolci, succhi di frutta, caffè e nutella. Al tavolo della colazione c'è Francesco Flachi, Sergio Volpi, Massimo Bonanni e tutti gli altri. Poi c'è un altro tavolo e le seggiole sono riservate allo staff dirigenziale, che solitamente non si fa mancare ogni genere di prelibatezza. «Ma quest'anno sono tutti a dieta», dice un ben informato con aria un po' triste. Come non comprenderlo, visto che in Val di Fassa il piatto più leggero è wurstel con crauti. Qualche notizia buona però c'è: «I giocatori quest'anno sono stati bravissimi - ha detto il medico Amedeo Baldari - si sono presentati tutti in perfetta forma o con un leggero aumento di peso. Roba di poco conto». Ma l'alimentazione, con l'arrivo del preparatore atletico Roberto Sassi, è cambiata, o meglio c'è un parametro ben preciso per il cuoco, che ogni giorno cambia l'apporto di proteine in base al lavoro svolto: «Se il lavoro è stato più intenso bisogna aumentare carne e pesce alla sera». A pranzo un piatto di pasta; tutti (alti e bassi, grassi e magri) ne mangiano lo stesso quantitativo, poi crudo o bresaola, tanta verdura e frutta. Alla sera pasta, carne o pesce, verdura, frutta e una pallina di gelato o a volte la crostata («ottima», assicura il solito ben informato). Pizza, una volta alla settimana e un bicchiere di vino a pasto. Lo scorso anno avevano tentato di personalizzare i piatti in base alle intolleranze ma il problema quest'anno non sussiste. Poi niente idromassaggio: «C'è il fiume che è molto meglio», spiega il medico. Intanto domani ci sarà l'amichevole con il Parma e i tifosi si mobilitano: il Sampdoria Club Certosa e il Damiano Damoia di Pegli stanno organizzando la trasferta (35 euro) per assistere al match. Si parte domani da Pegli alle 5,30 del mattino e alle 6 dal Ferraris lato Sud. Per informazioni rivolgersi alla Federclub (010/8311557), al club di Pegli (010/6960079) o al club Certosa (339/5606706).