Galleria Il Polittico L’universo borghese di Luca Morelli

Romano, 42 anni, ha frequentato l’Accademia di belle arti e ama l’arte dell'Ottocento Luca Morelli, che presenta fino al 31 marzo la sua prima personale «Il principio del risveglio» nella galleria il Polittico di via Banchi Vecchi, con un testo in catalogo di Arnaldo Romani Brizzi, accompagnato da una lettera affettuosa e autorevole di Carlo Maria Mariani. Scrive di «essenzialità, esperienze interiori e inesausta forza creativa» Mariani, il maestro che Morelli è andato a visitare a New York dieci anni fa. Un modello cui ispirarsi, un po’ come David, oggetto della sua tesi e gli amati pittori neoclassici. Morelli dipinge solamente a olio su tela, dimostrando una perizia tecnica sorprendente, basti vedere certi giochi di luce bianco su bianco, certe invenzioni prospettiche. Predilige gli interni borghesi, le mezze tinte, il tono su tono, le atmosfere soffuse e raccolte. I personaggi sono colti in una enigmatica fissità, come se fossero sempre in procinto di separarsi dalla persona cara o di assumere delle decisioni sofferte. La storia della modella del fotografo che attende paziente il suo turno fra specchi e luci artificiali, per cui non si distingue più il vero dall’apparenza, quella della ragazza che ha dietro di sé una parete piena di libri, privi però di qualsiasi contenuto. Morelli si cimenta con la figura umana alla maniera antica portando su di sé il peso del Novecento. Come molti altri. La schiera degli artisti da cavalletto che si esprime col pennello, dei cosiddetti figurativi, si è infittita, considerata alla stessa stregua di tutte le altre tendenze artistiche contemporanee. Raggiunta una certa cifra stilistica, il pittore propone uomini e donne reali, persone che vivono una vita normale, ma agitate da conflitti interiori, aggredite dai dubbi del presente, avendo probabilmente perduto le solide certezze del passato. Gli ambienti e le situazioni, velati d’intimismo, richiamano certe atmosfere tipiche del cinema dell’incomunicabilità, incentrate come sono sui rapporti individuali e la sfera privata.
«Il polittico», via dei Banchi Vecchi 135. Orario: dal lunedì al sabato 16-20, fino al 31 marzo. Informazioni: 06-6832574 e www.ilpolittico@tin.it.