Galliera, un reparto di eccellenza dove vale ancora il «tutti per uno»

La mattina di lunedì 27 settembre la mia aorta addominale ha pensato bene di lacerarsi, facendomi perdere conoscenza; grazie ad una serie fortuita ma proprio per questo determinante di circostanze, ho potuto essere trasportato in emergenza rossa al pronto soccorso dell'Ospedale Galliera; qui giunto, dopo gli accertamenti del caso, sono stato portato in sala operatoria e preso in cura dal Dottor P. Mortola che, dopo un'operazione di quattro ore, mi ha dato la vita una seconda volta (la prima era stata mia Mamma 66 anni fa); dopo 24 ore di rianimazione, di cui non ho ricordo alcuno, sono stato trasferito alla struttura complessa di Chirurgia Vascolare. Lo staff medico che la gestisce (Primario Prof. Gori, il suo vice sous-dit Dr. Mortola, ed i Dottori - i.o.a. - Baldino, Cambiaso, Cantello, Cassola, Fracchia, Puzzo) mi hanno, con professionalità efficienza e competenza, tirato fuori da una serie di secche in cui il destreggiarsi era, a quanto mi è stato riferito, estremamente difficile: dimostrazione concreta che il «tutti per uno» esiste ancora e ben funziona!
Altrettanta professionalità competenza ed efficienza, a cui si deve aggiungere un'incredibile dose di umanità, doppiamente apprezzata perché un degente ha sempre bisogno di una spalla amica su cui piangere, ho riscontrato nel personale del reparto: Infermieri Professionali e Studenti Infermieri sempre a disposizione - anche e soprattutto di notte - per soddisfare tutte quelle piccole necessità che a loro possono magari arrecare disturbo ma che per un degente è essenziale vedere risolte.
Non dico che quando sono stato dimesso me ne sono dispiaciuto - sarei da ricovero alla neurodeliri! - ma conservo un buon ricordo di questi undici giorni di degenza; per la qualità della quale rivolgo un caro ringraziamento ai Responsabili del Reparto ed a S.E. il Cardinale Angelo Bagnasco, Presidente del Cda dell'Ospedale Galliera, che una volta di più ha dimostrato di saper scegliere le persone di cui circondarsi ed a cui affidare compiti di responsabilità.
Con un rinnovato ringraziamento a tutta l'Equipe della Struttura Complessa di Chirurgia Vascolare dell'Ospedale Galliera di Genova, i miei più cordiali saluti.