Gamberale guarda alla Serravalle

da Milano

Secondo l’agenzia Radiocor-Il Sole 24 Ore, il Comune di Milano starebbe accelerando sulla vendita delle quote della Milano-Serravalle (18,6%) e dell’Autostrada Serenissima (4,7%). Dall’operazione Palazzo Marino punterebbe a incassare almeno 300 milioni di euro.
Tra gli interessati, circola il nome del fondo F2I, guidato da Vito Gamberale. La vendita, curata come advisor da Dexia, avverrà attraverso una procedura d’asta competitiva che verrà lanciata dal Comune nelle prossime settimane. A Palazzo Marino è già partito il lavoro per predisporre il bando di gara. Tramonta invece l’ipotesi, ventilata da Filippo Penati, di uno scambio con la Provincia di Milano, che avrebbe ceduto la quota della Sea (14,5%) in cambio del pacchetto controllato da Letizia Milano della Milano-Serravalle. Se le voci fossero vere, potrebbero esserci effetti sulla strategia di Penati. Che già controlla più del 50% della Serravalle, oltre a detenere un pacchetto del 5% della Serenissima. Se Penati non potesse salire fino al 70%, nel caso che la Moratti cedesse la sua quota a Gamberale, a questo punto una eventuale quotazione di un pacchetto consistente di azioni della Serravalle in Borsa vedrebbe una riduzione della attuale posizione di forza della Provincia di Milano, anche se quest’ultima, nell’equilibrio fra tutti gli azionisti, ne potrebbe mantenere il controllo di fatto.