Il gameboy? Adesso è «videoarte»

Passeggiando per le vie di Trastevere, fino a venerdì, potrete trovarvi davanti ad una piacevole sorpresa: piazza San Cosimato fa da cornice al festival «Upside Town - Invasioni Visive». Una maratona video-sonora con installazioni audiovisive in 3D, sound design, performance live e dj-set, video-arte e cortometraggi selezionati da festival internazionali. Un laboratorio sperimentale per i giovani, ma anche un’occasione per comprendere la cultura contemporanea di tendenza. Questa sera saranno i Mammooth ad aprire la serata (dalle ore 19). Il gruppo romano coinvolgerà la piazza con un dj set di musica elettronica, blues, hard-rock, psichedelica, che si incontreranno con i generi più ricercati (derive post e kraut-rock). Alle 21.30 direttamente dalla Svezia arrivano gli Slagsmalsklubben. La band produce un genere musicale davvero curioso, il «bitpop», dove gli strumenti sono vecchie consolle e videogiochi (per esempio l’indimenticabile Commodore 64 ed il Game Boy). Dalle ore 23 partirà una non stop di proiezione di corti, video e animazione. Domani, dopo il dj set del conduttore radiofonico Raffaelle Costantino (con Giovanni Di Cosimo alla tromba), si esibiranno dalle ore 21 i Geffen3. Il trio musicale berlinese si unirà agli Jutojo, che hanno lavorato in musei e gallerie di mezzo mondo. Venerdì si esibiranno i «Postal_M@rket» con un progetto musicale complesso ma suggestivo: anche loro sono appassionati dei vecchi videogiochi, e li usano per fare musica hi-tech. Chiuderà la kermesse Michele Sambin con la sua performance di sax e videorarte. Ingresso libero.