Gang sgominata 5 stranieri in cella

Erano appena arrivati dalla Francia. E, nelle due stanze in cui alloggiavano - in un hotel due stelle del centro - tenevano tutto l'occorrente per registrare i numeri segreti delle carte: lettori ottici per decifrare la striscia magnetica, microtelecamere smontate da telefoni cellulari e montate in una struttura da applicare sopra lo schermo del bancomat per memorizzare «pin» e codice personale. Così, s’impossessavano dei dati per clonare tessere di prelievo nei bancomat, fare ordini via Internet e inserirsi nei circuiti internazionali Mastercard. La banda - un ungherese di 29 anni, un moldavo di 23 e tre romeni: un giovane di 22 anni, e due ragazze di 25 (con precedenti) e 22 anni - è finita in carcere grazie a un controllo casuale dei carabinieri del nucleo operativo negli alberghetti frequentati da extracomunitari di passaggio.