Gara tra auto sulle strade della Riviera

Testa a testa, sgommata a sgommata, hanno trasformato le strade di Sestri Levante in un circuito di Formula 1, in una pista da rally. Clandestinamente, e contro ogni regola del codice della strada, tre auto si sono sfidate a poche decine di metri dallo svincolo del casello autostradale. Fino a quando sono stati sorpresi da una pattuglia della polizia che ha fermato la loro folle corsa in un orario in cui le strade della Riviera sono ancora frequentate.
Le nuove norme sono molto più dure nei confronti di chi gareggia in velocità e almeno uno dei protagonisti della sfida dell’altra sera ora rischia grosso. Senz’altro dovrà rinunciare alla patente, ma il giudice potrebbe decidere per lui persino una condanna da 1 a 5 anni di carcere. Uno degli automobilisti è stato infatti identificati dagli agenti e denunciato per l’accaduto. Tre fuoristrada sono stati notati intorno a mezzanotte da una pattuglia della polizia stradale di Chiavari mentre a grande velocità si sorpassavano con manovre giudicate pericolose.
Gli agenti hanno intimato l'«alt», ma i tre conducenti non si sono fermati e sono anzi fuggiti in direzioni diverse, in una zona che peraltro consente molte vie di fuga. A quel punto la polizia si è concentrata su una delle auto della quale è riucita a segnare la targa. Le indagini condotte hanno consentito di individuare il conducente, che è stato denunciato e al quale è stata sequestrata l'auto, una Bmw di grossa cilindrata. In base al nuovo codice della strada l'automobilista rischia da uno a cinque anni di carcere, la sospensione della patente da uno a tre anni e una multa da 5 a 20 mila euro. Sono in corso su tutto il territorio di Sestri Levante e Casarza Ligure indagini per individuare gli altri due piloti improvvisati.