Garibaldi: «Ora un commissario»

Scomoda anche il Vangelo Gino Garibaldi, consigliere regionale di Forza Italia, per richiamare l’attenzione sulla necessità che la vicenda della Gronda autostradale che potrebbe attraversare il ponente genovese e la Valpolcevera. Garibaldi contesta il dibattito pubblico in corso e il fatto che il sindaco Marta Vincenzi voglia prendere in considerazione anche una settima soluzione per la nuova autostrada che possa passare anche in sotterranea sotto l’alveo del Polcevera. «La questione è imbarazzante -spiega Garibaldi- a questo punto chiedo la nomina di un commissario ad acta che prenda in mano la situazione e individui il percorso, certamente migliore, che sblocchi tutta questa vicenda. Se andiamo avanti così ne subentrerà un’ottava ed una decima. Purtroppo sulla Gronda la sinistra comunale, provinciale e regionale è schiava dei partiti del No e dei comitati di quartiere». «È necessario affidare il tutto a tecnici competenti -prosegue il consigliere regionale azzurro- Se la sinistra ligure non è in grado di prendersi le proprie responsabilità se ne vada a casa e lascio governare chi è capace, con buona pace di tutti coloro che il no lo fanno diventare il principio ispiratore della loro vita, senza soffermarsi mai a riflettere a quanti effetti devastanti la loro contestazione porta allo sviluppo della nostra regione».