Garlasco, indegno violare così la privacy

Sono indignata per le notizie che ci propinano i telegiornali sul caso Garlasco. Pare che una delle cugine abbia rilasciato dichiarazioni tipo: «I due fidanzati non hanno dormito insieme, inoltre mia cugina non ha avuto rapporti intimi, perché lei aveva il ciclo». Non è finita: «I due fidanzati non volevano dormire nel letto degli zii per una forma di pudore per cui lui ha dormito nel letto del fratello» e così via. Con quale licenza queste informazioni sono state trasmesse? E se tali informazioni sono utili agli inquirenti, perché sono state rivelate ai media? Ma la cosa che più sconvolge è il perché la vita privata di una ragazza (che, purtroppo, non può più difendersi) viene data in pasto alla gente? Non riesco a non pensare a quella ragazza, a come la sua vita è stata catapultata sulle prime pagine dei giornali. Mi auguro, davvero, che questa inutile crudeltà, soprattutto per i genitori di Chiara, questo pescare nell’intimità di chi non c’è più, abbia termine.