Garlasco, sequestrati due pc dell'amico di Stasi

Finisce nell'inchiesta per la morte di Chiara Poggi anche Marco Panzarasa, figlio dell'ex sindaco di Garlasco, migliore amico del fidanzato della ragazza uccisa nella villetta di famiglia il 13 agosto scorso

Garlasco - A più di sei mesi dall'omicidio di Chiara Poggi, uccisa nella sua villetta di via Pascoli il 13 agosto scorso, gli investigatori battono un altro colpo. Dopo aver indagato e incarcerato Alberto Stasi, il fidanzato della giovane neo laureata in Economia, poi scarcerato dla tribunale del Riesame, averlo indagato nuovamente per le immagini pedopornografiche trovate sul pc, le indagini non si sono spostate di molto. In queste ore i carabinieri hanno messo sotto sequestro anche due computer di Marco Panzarasa, il migliore amico di Stasi, figlio dell'ex sindaco di Garlasco. Il giovane, in tasca una laurea in giurisprudenza con il massimo dei voti e nel cassetto una brillante carriera da avvocato, era già stato interrogato nei giorni successivi al delitto. Ma la sua era subito apparsa una posizione di secondo piano. "Quel giorno ero in Liguria - avrebbe detto agli investigatori durante l'interrogatorio". L'alibi per la mattina di quel 13 agosto regge: era sul treno che lo riportava a Garlasco dalla Riviera.
Panzarasa, che tutti in paese descrivono come "inseparabile" dall'amico, era stato anche in viaggio di studio a Londra con Stasi e conosceva Chiara Poggi. Con il sequestro di stamattina gli investigatori vogliono accertare eventuali scambi di mail tra Marco e Alberto nelle settimane precedenti l’assassinio di Chiara.