Garrone sbatte la porta in faccia alla Lega: «Basta, me ne vado»

L'appuntamento era a Milano, per la consueta riunione di Lega. In un ambiente imbarazzato dal caso Inter, c'erano ancora da risolvere diversi problemi, dalla pay tv alla riiscrizione delle regole del calcio. La riforma del mondo del pallone era l'argomento più caro al presidente della Sampdoria Riccardo Garrone, che ieri, dopo un contrasto insanabile con i vertici del Palazzo, si è dimesso da consigliere della Lega. La sua è stata soprattutto una protesta (...)
SEGUE A PAGINA 54