«Gas, convinciamo i cittadini a ridurre i consumi»

Lombardi incontra gli enti locali Bernardo: opuscolo alle famiglie

«Qualcosa - spiega il prefetto - lo possiamo fare tutti. Abbassando il riscaldamento e facendo manutenzione alla caldaia, aiuteremo il Paese a superare questo momento particolare e avremo al tempo stesso un risparmio del 20-30 per cento. Qui in prefettura è già stata ridotta la temperatura negli uffici». Gian Valerio Lombardi l’ha spiegato a sindaci e rappresentanti di Regione e Provincia riuniti ieri per un vertice sul problema gas. «L’incontro è servito per spiegare le nuove norme decise dal governo per ridurre i consumi - continua Lombardi-. E a raccogliere idee per coinvolgere i cittadini».
L’assessore regionale ai Servizi di pubblica utilità, Maurizio Bernardo, annuncia la prima: «Faremo un opuscolo da distribuire alle famiglie con i suggerimenti per ridurre i consumi di energia». Sarà spiegato che basta avere 18-19 gradi in casa, che è meglio, quando si cucina, coprire le pentole col coperchio. Ci saranno consigli per usare gli elettrodomestici in modo intelligente. «Coinvolgeremo le scuole - aggiunge Bernardo - e prepareremo dei manifesti».
Al vertice era presente anche il comandante provinciale dei vigili del fuoco. «I controlli? Non spetta a noi farli - spiega Dante Pellicano -. L’importante è far capire che va fatta manutenzione agli impianti». Ne è convinto anche il prefetto: «Non vogliamo insistere sulle sanzioni, ma informare». «Noi i controlli li facciamo - interviene Domenico Zampaglione, assessore comunale all’Ambiente -. Gli uffici di Palazzo Marino troppo riscaldati? Non sono i miei». I tecnici della Regione ieri hanno trovato sei caldaie fuori norma in città su 17 controllate e 3 uffici (due sono di banche) con temperature troppo alte.
Le misure appena decise (temperatura portata a 19 gradi anziché 20, un’ora in meno di riscaldamento) varranno per febbraio. Il prefetto vorrebbe creare però un tavolo permanente sul tema del risparmio energetico.