Il Gaslini premiato dagli Usa per la qualità dell’assistenza

Ulteriore sicurezza in sala operatoria, ancora più basso rischio di infezioni, miglioramento continuo delle prestazioni con gli standard qualitativi statunitensi. L'Istituto scientifico pediatrico Giannina Gaslini di Genova ha ricevuto l'accreditamento da parte della Joint Commission International (Jci). Nella lettera di accreditamento inviata al dottor Antonio Infante, direttore generale del Gaslini, gli specialisti statunitensi hanno valutato con lode l'attività assistenziale dell'ospedale pediatrico genovese. Un risultato che Albert Vogel, team leader del gruppo, ha definito «assolutamente eccellente», aggiungendo: «I cittadini italiani dovrebbero essere orgogliosi del fatto che l'Istituto Gaslini stia perseguendo questo obiettivo stimolante - innalzare la qualità a livelli sempre più alti». «Il giudizio lusinghiero espresso dai valutatori americani - spiega il direttore generale Antonio Infante - è stato il giusto premio per il personale dell'Istituto che, con alta motivazione e spirito di appartenenza non comune si è prodigato nel miglioramento dell'attività assistenziale». E il dato cancella di fatto ogni polemica giornalistica del passato.
Joint Commission è il maggior ente di accreditamento degli Stati Uniti: monitorizza più di 20.000 programmi ed ha già accreditato quasi 5.000 ospedali.
«Il Gaslini ha scelto di applicare la metodologia JCI al proprio percorso di qualità - sottolinea Vincenzo Lorenzelli, commissario straordinario del Gaslini - perché essa è l'unica che copre l'intero spettro delle attività cliniche e manageriali. La qualità a livello sanitario va infatti considerata sotto tre profili principali indissolubilmente collegati tra loro: gestionale, relazionale, tecnico- professionale». Il risultato è stato raggiunto grazie a processo durato quasi due anni.
«Ciò che fa di un ospedale un ospedale di "grande qualità" - spiega il professor Lorenzelli - è il fatto che i livelli di attenzione, e quindi la sicurezza nei confronti dei pazienti non vengano mai meno . Medici, infermieri ed amministrativi del Gaslini si sono seduti allo stesso tavolo per rivedere le regole comportamentali dell'ospedale, migliorarle ed adeguarle alle sempre nuove esigenze.