Gasperini: «Chi vuole, vada pure»

Masiero si mette subito in luce. Prima uscita ufficiale con la maglia del Genoa e il sudamericano lascia il segno nell’amichevole con la formazione di serie D del Belvedere Vercelli che finisce 4-1. Oltre alle reti di Konko, Masiello e Figueroa su rigore, timbra pure l’uruguayano con una punizione forte e precisa di sinistro dal limite dell’area. Contro i dilettanti allenati dal genovese Salvatore Mango, Gasperini fa molta pretattica mischiando molto le carte. Insomma la partita è poco più di un allenamento in vista della trasferta con la Lazio (partenza per Roma anticipata ad oggi) e così gli applausi di simpatia ed incoraggiamento sono per il quasi ventenne Masiero. A Roma lui ci sarà, ma solo per respirare l’aria della serie A. È ancora senza transfer e comunque avrà bisogno di almeno un paio di settimane di lavoro per proporsi. Ma Gasperini è pronto ad aspettarlo: «In questi pochi giorni ha dimostrato il suo spessore tecnico che peraltro conoscevamo per averlo visionato a lungo, ma avrà bisogno di tempo». Gasperini invita tutti a pensare al match con la Lazio: «Partita importante e difficile contro una squadra di valore», ma stuzzicato sul mercato non si tira indietro, soprattutto nei confronti di chi ha le valigie in mano come Papa Waigo, Di Vaio e Coppola: «Io sono contento di tutti, ma evidentemente chi è scontento è giusto che vada via. D’altronde sulla mia stessa lunghezza d’onda c’è la società. Sottolineo solo che a parte Papa Waigo, tutti gli atri che sono arrivati in estate da Paro a Bovo, da Danilo a Borriello hanno visto raddoppiare se non triplicare il proprio valore».Con la Lazio sono da valutare le condizioni di Fabiano. Criscito poi, al termine dell’allenamento, ha preso una pallonata al viso e ha sanguinato molto; per lui esami di controllo, ma per Roma non dovrebbero esserci problemi.