Gasperini non si nasconde più: «Il nostro obiettivo da adesso è l’Europa»

Gasp getta la maschera: «A questo punto della stagione sarebbe importante arrivare almeno in Coppa Uefa, avendo sei, sette punti di vantaggio sulle squadre dietro». È la prima volta quest'anno che Gasperini parla apertamente di Coppa Uefa indicandola come l'obiettivo minimo da raggiungere e forse non è un caso che ciò avvenga alla vigilia della gara col Siena. Partita sulla carta più agevole di quella contro il Napoli, ma da non prendere sotto gamba: «Sarebbe un gravissimo errore se lo facessimo; su questo aspetto dovremo stare molto attenti. Guai a pensare già all'Inter», ammonisce l'allenatore rossoblù. Che vuole tenere sulla corda la squadra e non si fida di un avversario scorbutico tra le mura amiche. «Il Siena sa come muoversi, è una formazione con dei valori che ultimamente ha raccolto meno di quello che meritava. Hanno bisogno di punti salvezza e rispetto al Napoli giocano più sereni». Il Genoa si presenterà al Franchi senza Vanden Borre, alle prese con un risentimento al polpaccio, ma con Milanetto, tornato ad allenarsi in gruppo. Gasp confessa che egoisticamente avrebbe preferito la qualificazione di Milan e Fiorentina: «Se avessero passato il turno, avrebbero avuto un impegno in più che poteva distrarli ». Il tecnico perde il sorriso quando il discorso scivola su Mathieu, il mancino del Tolosa che ha manifestato interesse per il Genoa: «Se vengono fuori certe voci, forse è un nostro limite». Arbitro Damato.