Gasperini prepara la rivincita: «Battiamo la Lazio»

Voglia di riscatto immediato, ma ai tifosi che hanno accettato con tranquillità la battuta d’arresto se la sono presa con Palladino. L’ex juventino a fine partita ha raccolto una sciarpa bianconera che gli hanno lanciato dalla tribuna mettendosela al collo. Un gesto istintivo che però non è andato giù ai duemila rossoblù presenti all’Olimpico torinese. Ieri sui vari siti della tifoseria, sui blog dedicati al Genoa era questo l’argomento che teneva banco. Palladino è stato invitato a scusarsi, altri lo hanno giustificato, in molti si ritengono offesi. D’altronde Palladino a soli tredici anni è arrivato a Torino per giocare nella Juve dove ha scalato tutte le formazioni per approdare in prima squadra. Comprensibile il suo legame con i bianconeri è molto forte e anche il cartellino è a metà. Eppure la sciarpa al collo ha urtato la sensibilità dei genoani che si sono sentiti messi in secondo piano. In tanti hanno contestato quel gesto dopo peraltro una partita giocata sottotono dall’ex juventino. Palladino però ha sempre dichiarato di essere rimasto impressionato dalla Nord e ha confermato che Gigi Buffon, il portierone bianconero che tifa Genoa, gli aveva parlato benissimo dei sostenitori rossoblù. Insomma una tempesta in un bicchiere d’acqua ce però ha fatto un po’ di rumore. Intanto in vista della partita con la Lazio la preparazione comincerà lunedì. Nessun giocatore verrà squalificato. Infine Criscito e Bocchetti sono stati convocati nell’Under 21 azzurra di Casiraghi che giocherà in amichevole contro la Germania.
\