Gastaldello torna in campo sabato

Prova e vittoria super contro l'Empoli, ma solo a metà. Gianluca Atzori, a cominciare da questo pomeriggio nel test contro la Cairese, formazione che milita nel campionato di Eccellenza, dovrà dividersi tra gli elogi a centrocampo e attacco e qualche bacchettata alla difesa. Finché il duo Pozzi-Bertani, nuovi gemelli del gol, continueranno a segnare in numero maggiore ai gol subiti dalla squadra, il problema potrebbe anche evitare di porsi, ma al tecnico le sbavature, soprattutto di Volta schierato anche nel ruolo di terzino destro invece che in quello di centrale (con Rispoli, giocatore naturale nel ruolo, relegato addirittura in tribuna), non sono certamente piaciute. Oltre a questo, mentre gli altri due reparti possono vantare una coperta estremamente lunga, in difesa gli uomini sono contati e in questo contesto si inserisce anche il pericolo giallo per Costa, andato in diffida dopo il match di lunedì sera. Ora, insomma, si attende con ansia il ritorno in campo di Gastaldello, che però non sarà certamente disponibile per il match di sabato alle 15 al Ferraris contro il Grosseto, mentre sono anche da verificare le condizioni di Nicola Pozzi, che nel secondo tempo aveva lasciato il posto a Piovaccari per una piccola noia muscolare (ma non dovrebbe pregiudicarne la presenza alla prossima di campionato).
E sabato la Sampdoria si troverà ad affrontare, dopo l'empolese Regini, anche espulso, il terzino sinistro del Grosseto ma soprattutto blucerchiato doc Gianluigi Bianco, in prestito alla squadra toscana: «Sono un sampdoriano e anche la mia famiglia lo è, provengo dal loro settore giovanile e poi ho girato un po’ in prestito, Empoli, Sassuolo e Frosinone. Per questi motivi, la sfida di domenica contro la Sampdoria, per me sarà una partita speciale. Confesso di aver sperato, a inizio stagione, di rimanere alla Samp, ma poi ho capito che era meglio giocare e quando è arrivata la proposta dei toscani non ci ho pensato su due volte».