Gates al passo d’addio: venerdì lascia Microsoft

da Milano

L’ultimo giorno sarà il venerdì 27 giugno, poi Bill Gates dopo 1.712 settimane (quasi 33 anni) trascorse in Microsoft lascerà, per dedicarsi a tempo pieno alla Bill & Melinda Gates Foundation, l’organizzazione fondata nel 2000 e che, ad oggi, è l’istituzione filantropica più ricca al mondo con 37,3 miliardi di dollari. Nonostante l’imminente addio, “l’imperatore dell’informatica“, così come lo definiscono in molti, continua a svolgere i propri lavori normalmente alla Microsoft, il colosso che ha fondato nell’aprile del 1975 ad Albuquerque (New Mexico) insieme a Paul Allen. «Partecipa alle riunioni quotidiane come se dovesse restare per i prossimi 10 anni» afferma l’ad di Microsoft, Steve Ballmer, che da lunedì assumerà le redini della società e dovrà dimostrare che i bei tempi della società non sono finiti con l’uscita di Gates. Quello di Gates, comunque, non sarà proprio un addio: conserverà la carica di presidente e si recherà in ufficio, non più il suo però, un giorno alla settimana.