Gattino fa 2 km per tornare a casa

Se qualcuno pensasse ancora che gli animali siano esseri privi di intelligenza e sentimenti, dovrebbe riflettere su quanto è accaduto nei giorni scorsi nello Spezzino dove un gattino ha percorso due chilometri in mezzo al traffico per tornare all'abitazione della signora che l' aveva accudito per qualche mese, salvandolo dalla morte.
La bestiola, dopo un intervento di sterilizzazione, era stata ricoverata in una struttura per gatti sulle alture di Arcola, in Val di Magra. È rimasta lì una settimana, poi è sparita. La responsabile della struttura temeva si fosse smarrita nei boschi che circondano l'area: invece era tornata da sola dalla signora che l'aveva precedentemente sfamata, in cima alla collina di Vezzano Ligure, due chilometri più in là, in direzione del capoluogo spezzino.
Per arrivarci, il gattino ha dovuto attraversare la macchia, prendere la strada provinciale, attraversare la zona industriale con il suo via vai di camion e mezzi pesanti, e arrampicarsi sulla collina, fino a Vezzano alto.
Se della fedeltà dei cani si raccontano storie fin dall'antichità, l'episodio rivela un attaccamento felino non da poco: unito ad un notevole senso dell'orientamento. Il tragitto percorso metterebbe in serie difficoltà anche una persona, fosse solo per la pericolosità del tratto stradale che separa i due paesi.