Gatto solo in casa salvato dai pompieri

Padroni in Polonia, lui è rimasto per due settimane sul balcone

Silvia Villani

A un gattino di pochi mesi, Pasqua ha riservato proprio una brutta sorpresa. Approfittando delle ferie, i padroni polacchi sono partiti per il loro Paese il venerdì santo, lasciando il micio sul balcone. Così, a porre fine alle quasi due settimane di solitudine e di segregazione sono stati gli agenti del commissariato di Cinisello Balsamo e i vigili del fuoco che, per potergli dare da mangiare hanno dovuto utilizzare l'autogru. «Da giorni il micino piangeva senza sosta - ha raccontato un residente di via Paravisi - ma non siamo riusciti a metterci in contatto con i suoi proprietari. Abbiamo così avvertito le forze dell'ordine». Ieri, quando i pompieri e i poliziotti sono giunti di fronte all'alto palazzo dove abitano i due polacchi, si sono subito resi conto della situazione. Solo grazie all'autogru sono riusciti a raggiungere il balcone, e il gatto, ha smesso di piangere e ha iniziato a ringraziare i suoi soccorritori, muniti di croccantini e scatolette di cibo, facendo le fusa. Troppo poca la quantità di mangime e d'acqua lasciata dai due padroni al momento della partenza - hanno detto i volontari dell'Enpa intervenuti. Ancora un giorno e il gatto sarebbe probabilmente morto di sete. Inutile, secondo i veterinari, anche lo spiraglio lasciato dalla tapparella parzialmente abbassata. Il gatto, lasciato nell'appartamento è stato ora affidato ai vicini della coppia. A meno che non dimostrino di essere stati trattenuti in Polonia da cause di forza maggiore, saranno ora i due a trovare al loro ritorno un'amara sorpresa: una salatissima multa.