Gattuso tuttofare Kakà un maestro

MILAN
6 DIDA. Parte male, s’impappina, esce a vuoto, poi rimedia.
2 ODDO. Subisce fallo, ma commette un’ingenuità irreparabile.
6 SIMIC. Da centrale cerca di rimediare ai centimetri che lo dividono da Bonazzoli.
6,5 BONERA. È il più attento nelle marcature, gli tocca fare il perno principale di una difesa improvvisata.
6,5 JANKULOVSKI. Per un tempo corre e copre, si avvita in avanti sgobbando come un mulo.
6,5 GATTUSO. Fa di tutto, corre, marca, aiuta la difesa, si propone in attacco: deve solo cantare a Sanremo e poi basta.
7 AMBROSINI. Specializzato nei gol che valgono tre punti.
5 SEEDORF. Per volere far tutto, finisce col fare troppo. Strafare (21’ st Pirlo sv).
7,5 KAKÀ. Appena il Milan resta in 10 comincia a giocare, proprio come capitò a Siena la domenica prima.
s.v. OLIVEIRA. (dal 12’ pt CAFU 6). Prende subito possesso del binario, cerca l’impresa balistica da lontano senza bravura).
6 RONALDO. Più di tutti patisce la riduzione in dieci e resta isolato (27’ st Inzaghi sv).
All. Ancelotti 7. Entra in campo per il fallo su Ronie: mai fatto.
SAMPDORIA
5,5 CASTELLAZZI. Tiene i suoi sul chi vive e quando Kakà tira si fa trovare sempre pronto.
5 ZENONI. Deve guardarsi dalle discese di Jankulovski e allora se la cava senza grandi danni.
5,5 FALCONE. Rischia l’osso del collo in un inseguimento su Ronaldo.
5,5 ACCARDI. Capisce quasi subito che le minacce arrivano da lontano.
5 ZIEGLER. Lo svizzero gioca sempre a rientrare dalla sinistra per passare da altri valichi (20’ st Parola 6).
6 MAGGIO. Tenta un numero da circo equestre: gli riesce, ma Dida è ancora più bravo di lui deviando in angolo.
6 PALOMBO. È il primo che prende di petto la sfida e cerca il bersaglio, respinto dal palo.
5,5 VOLPI. Guidare il centrocampo a certi ritmi non è sempre agevole.
4 OLIVERA. Primo giallo senza parastinchi, secondo per un timido fallo su Kakà. Vittima.
5 QUAGLIARELLA. Cerca di infilarsi negli spazi concessi dal Milan.
5 BONAZZOLI. Apre gli sportelloni minacciando il viso di Simic (11’ st Bazzani 5).
All. Novellino 5. Minaccia cambi a chi non segue i suoi schemi.
Arbitro AYROLDI 5. Poche storie, non è all’altezza.