Gattuso vola nella sua Calabria per creare nuovi posti di lavoro

Ringhio apre un’impresa per la coltivazione di frutti di mare: «Ho fiducia nella mia regione»

da Corigliano Calabro (Cosenza)
Rino «ringhio» Gattuso, sanguigno e inamovibile centrocampista del Milan e della Nazionale neo campione del mondo, è stato sempre un uomo di parola. E per tenere sempre fede al suo lineare e serio stile di vita anche ieri nella sua Calabria, a Corigliano Calabro, nel Cosentino, sua terra d'origine, ha fatto quello che più volte aveva di recente promesso di fare: uno stabilimento industriale per la depurazione e la stabulazione dei molluschi.
Con la sua iniziativa il centrocampista rossonero, già promotore e finanziatore della Fondazione onlus «Forza ragazzi» che per Corigliano rappresenta un importante punto di riferimento sociale per i giovani del luogo, ha voluto intraprendere questa nuova avventura imprenditoriale con l'obiettivo di imprimere nuovo impulso all'economia della zona e offrire un'opportunità reale di lavoro alle tante famiglie vittime della sempre più dilagante piaga della disoccupazione che affligge la Calabria.
«La Calabria - ha detto Gattuso nel corso della cerimonia d'inaugurazione della nuova industria - è una regione come tutte le altre e nel cui futuro io ho fiducia. Ha bisogno solo della buona volontà degli imprenditori. Io sono qui perché ho deciso di investire con mio padre e mio zio e tutta la mia famiglia in un progetto in cui credo. Ho fiducia, quindi - ha concluso il centrocampista del Milan - nella Calabria e nelle sue possibilità di rilancio. Questa non è solo la regione che viene descritta sui giornali e nelle televisioni con fatti negativi di mafia. Qui ci sono tanti aspetti positivi e tanta gente valida e onesta».
Lo stabilimento di proprietà della famiglia Gattuso, situato a Schiavonea nella zona industriale di Corigliano Calabro - ha spiegato Mario Pignatari, biologo del centro e responsabile delle fasi di lavorazione - «è all'avanguardia della tecnica. Un impianto dimensionato per 20mila chili di molluschi per ogni ciclo di lavorazione, un ciclo che può andare dalle sei alle 12 ore fino a 24 ore a pieno regime, a ciclo continuo. Attorno allo stabilimento c'è un indotto complessivo che offre già lavoro ad una cinquantina di persone. È il più grande impianto per dimensioni e produzione da Roma in giù. L'unico impianto in Italia della stessa entità è a Chioggia».
L'industria di molluschi è stata realizzata grazie anche ad un finanziamento «cofinanziato», tra fondi europei e fondi privati investiti, appunto, dalla famiglia Gattuso, di quattro milioni di euro.