Gaza, raid antiterrorismo uccisi otto palestinesi

Sangue e violenza anche sul «fronte sud» della guerra in Medio Oriente, quello di Gaza, dove tutto è iniziato il 25 giugno scorso con il primo rapimento di un soldato israeliano, il caporale Gilad Shalit, da parte dei miliziani di Hamas e di altri due gruppi armati palestinesi. In scontri a fuoco, raid aerei e colpi di artiglieria otto palestinesi, almeno sei dei quali miliziani, sono stati uccisi anche ieri durante un'incursione di truppe di terra israeliane, appoggiate da diversi mezzi blindati, a Rafah, nel sud della Striscia, al confine con l'Egitto. Una trentina i feriti.Fra i morti anche un ragazzo di 12 anni, ucciso dalle schegge di un missile lanciato da un aereo contro un gruppo di miliziani.