È Gazzellone il nuovo segretario romano della Dc

La nuova Dc scalda i motori. Ieri si è svolto il primo congresso romano del partito di Rotondi, che ha eletto segretario Antonio Gazzellone, già coordinatore e candidato della CdL a minisindaco del IV Municipio. Al congresso della Democrazia Cristiana per le Autonomie, svoltosi al Teatro San Luca, in via Renzo de Ceri, al Prenestino, ha preso parte anche il senatore Mauro Cutrufo, vicesegretario nazionale del partito. «Dopo 25 anni di battaglia politica, si è finalmente ottenuta, anche grazie al contributo della Dc, la legge nazionale per Roma Capitale - ha affermato Cutrufo -. La nuova legge metterà Roma in grado di superare una volta per tutte quei cavilli amministrativi che rendono difficile una buona amministrazione». Il senatore Dc ha annunciato che promuoverà un dibattito fra Latina, Frosinone, Viterbo, Rieti e la Provincia di Roma sulla nuova forma territoriale da dare al Lazio per renderlo una Regione autonoma dal grande peso della Capitale. «I circa 3 milioni di laziali - ha sottolineato Cutrufo - non facenti parte dell’area della Capitale, con un immenso territorio avranno così la possibilità di rilanciare dal punto di vista storico ed economico le esigenze della loro Regione». Considerazioni che saranno indubbiamente al centro delle prossime elezioni amministrative, che riguarderanno in particolare proprio Rieti, Frosinone e Latina. Più attenzione alla persona, giovani e anziani, soluzione al problema casa, effettivo decentramento, mobilità e traffico, saranno, invece, le priorità che Antonio Gazzellone, eletto per acclamazione, metterà al centro del suo impegno a Roma.
Gli eredi della Balena Bianca annunciano battaglia contro la paralisi del decentramento amministrativo: proprio Gazzellone è diretto testimone nel IV della crisi dei Municipi romani, ingabbiati da eterne polemiche fra partiti della maggioranza e mancanza di autonomia dal potere centrale del Campidoglio. «Apriremo da subito un dibattito nella città - ha detto il neo segretario -. Va rivolta un’attenzione particolare verso la famiglia per risolvere i problemi veri, come quello della carenza degli asili nido o dell’annoso problema della casa. Per capire l’emergenza basta leggere l’ultimo rapporto della Caritas, che denuncia che a Roma i senza tetto censiti hanno raggiunto e superato le 7mila unità. Senza dimenticare gli innumerevoli insediamenti spontanei di immigrati, che vivono nelle condizioni igieniche e sanitarie più drammatiche».
Al Congresso Dc hanno preso parte il segretario regionale Massimo Nardi, il presidente regionale Roberta Ercoli, il coordinatore provinciale Gianni De Ritis. «Ci aspetta certamente un duro lavoro - ha detto ancora Gazzellone - il dialogo con la città è aperto, starà a noi riuscire a conquistarne la fiducia e a darle le risposte che aspetta da tanto, troppo tempo. La Dc per le Autonomie vuole affrontare problemi reali e concreti, usando meno effetti speciali e luminarie, e riportando le istituzioni vicino ai cittadini». Al Congresso ha portato il saluto di Forza Italia il consigliere comunale Antonello Aurigemma.