Gb: regala escort al figlio padre finisce in manette

<p>
Un'avventura tragicomica. Un padre regala al figlio quattordicenne una notte con una prostituta ma abbordano una poliziotta. E tutto finisce in tribunal. Dieci mesi di reclusione poi sospesi per il &quot;buon carattere&quot; dell'uomo
</p>

Londra - I figli 'so piezz 'e core. L'adagio partenopeo vale in tutto il mondo, anche oltre Manica. E qualcuno per i suoi pargoli è disposto a fare qualunque cosa. Specialmente per il compleanno. La playstation ce l'ha già, l'ipod anche, le scarpe da ginnastica sono nuove. E alla fine un padre 42enne di origini polacche per far spegnere al figlio quattordici candeline ha pensato di regalargli una notte di sesso con una prostituta.

E scatta la sopresa Ma alla fine la vera sorpresa è stata per il padre. Una volta saliti in macchina il compleanno si trasforma in tragicommedia. La lucciola tanto lucciola non era, ma si trattava abbordato di una poliziotta sotto mentite spoglie.

Il giudice comprensivo
E sono scattate le manette. Il tribunale di Nottingham, però, ha oggi risparmiato il carcere al padre 42enne, a cui identità non può essere svelata per motivi legali. Il giudice Jonathan Teare ha infatti sospeso la sentenza a 10 mesi di galera in virtù dell’ottimo carattere dell’uomo. Inoltre, Teare si è detto convinto che il padre non volesse arrecar in alcun modo danno al figlio. "Lei ha il dovere di prendersi cura di suo figlio e di provvedere al suo benessere morale - ha detto il giudice in aula - e questo non significa iniziarlo alle vie del sesso attraverso una prostituta". Detto questo, la corte ha permesso che padre e figlio continuino a vivere sotto lo stesso tetto.