Gb, Robinho in manette per stupro

L’attaccante del Manchester
City è stato arrestato ieri dalla polizia inglese, che
indaga su una presunta violenza sessuale commessa in un night
club. Lui nega ogni
addebito. E' stato rilasciato dietro cauzione

Londra - L’attaccante brasiliano del Manchester City Robinho è stato arrestato ieri dalla polizia britannica, che indaga su una presunta violenza sessuale commessa in un night club dell’Inghilterra settentrionale. Robinho, che nega ogni addebito, è stato rilasciato sotto cauzione.

Robinho nega ogni coinvolgimento "Noi possiamo confermare che Robinho ha incontrato la polizia oggi, come era stato convenuto, e nel quadro di una inchiesta criminale", ha ammesso oggi il portavoce Chris Nathaniel sul sito web del giocatore. Robinho "respinge vigorosamente qualsiasi accusa di cattiva condotta o di crimine e sarà felice di collaborare con la polizia se necessario in seguito", scrive il portavoce dell’attaccante del Manchester City. La polizia del West Yorkshire ha riferito all’Associated Press, senza indicare il nome del giocatore, che un uomo è stato interrogato per "grave aggressione sessuale" avvenuta a Leeds il 14 gennaio, poi è stato rilasciato ieri sotto cauzione. All’indomani della presunta aggressione, Robinho aveva lasciato senza autorizzazione il campo di allenamento della sua squadra a Tenerife per recarsi in Brasile, invocando una "questione familiare".