Gdf, Donadoni nei guai: sigilli alla villa "abusiva"

Sotto sequestro per abusivismo a Fasano la masseria
dell’ex commissario tecnico della nazionale: villa "Monsignore" si trova nelle campagne in una delle zone più
caratteristiche del territorio

Brindisi - La guardia di finanza ha posto sotto sequestro per abusivismo a Fasano la masseria dell’ex commissario tecnico della nazionale italiana di calcio Roberto Donadoni. Si tratta di un immobile antico, denominato "Monsignore", che si trova nelle campagne tra Fasano e Savelletri, in contrada Pettolecchia, una delle zone più caratteristiche del territorio.

Sigilli alla villa Il provvedimento di sequestro è stato disposto dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi Antonio Costantini. La vicenda avrebbe preso le mosse da un esposto anonimo giunto alla magistratura brindisina circa un anno fa. Dai primi accertamenti della finanza, sarebbe emerso che, nel corso delle opere di ristrutturazione del questo complesso non sarebbero stati rispettati i limiti imposti dal progetto avallato dal Comune di Fasano per il suo recupero. L’immobile era stato acquistato dall’ex CT della nazionale due anni fa ed oltre alla masseria vi sono circa venti ettari di uliveto.