Gela, scoperto "latifondo" di marijuana

Scoperto la più grande coltivazione mai rinvenuta: si
estendeva per 12.500 metriquadri. Vi erano coltivate oltre ventimila piante. La polizia ha denunciato a piede libero il proprietario che si trova in contrada Feudo
Nobile

Gela - La polizia di Stato ha scoperto nelle campagne di Gela una tra le più grandi coltivazioni in serra di marijuana mai rinvenuta, che si estendeva per 12.500 metri quadrati. Si tratta di una piantagione in cui erano coltivate oltre ventimila piante, di dimensioni che variavano da un metro e mezzo a tre metri di altezza. La scoperta è stata fatta dagli agenti dei commissariati di Gela e Niscemi e della Squadra mobile di Caltanissetta.

La piantagione Le ventimila piante erano coltivate in serre. Accanto alla piantagione è stato trovato un capannone all’interno del quale le piante venivano fatte essiccare. Marijuana è stata trovata già pronta per la vendita. La polizia ha denunciato a piede libero il proprietario dell’appezzamento di terreno, che si trova in contrada Feudo Nobile. Gli investigatori della Questura di Caltanissetta, diretta da Guido Marino, hanno avviato accertamenti per identificare i livelli intermedi e superiori delle persone che sarebbero coinvolte nella coltivazione della piantagione.