Geldof ringrazia: «Live 8 ha salvato milioni di vite»

«Siete un grande, pacifico esercito di 3 miliardi di persone e vi siete mossi per quelli che a malapena sopravvivono. E avete vinto. Tante grazie. Milioni vivono grazie a voi, la gente di Live 8»: si chiude così un comunicato diffuso dall'organizzazione che rappresenta Bob Geldof in Italia, nel quale si fa un bilancio dopo il vertice delle otto potenze del G8 a Gleneagles e il megaconcerto andato in scena in dieci città del mondo, con uno spaventoso ed esaltante risultato di ascolti e copertura stampa. Tutti i giornali e le televisioni hanno dato un enorme rilievo all’avvenimento e, nonostante la strage di Londra, il G8 ha comunque deliberato un cospicuo stanziamento di fondi per l’Africa. «Vent'anni fa Live Aid - si legge nella nota di Geldof - raccolse 200 milioni di dollari per chi moriva di carestia. Sabato scorso Live 8 ha chiesto 25 miliardi di dollari per l'Africa. E oggi l'Africa li ha ottenuti. Non più la vita degli Africani poveri sarà legata alla carità ma piuttosto definita dalla giustizia». Il portavoce di Geldof sottolinea la portata dell'evento: «La lunga marcia adesso è finita, portata in fondo dalla più grande folla che la storia della politica abbia mai visto. Live 8 è stato meraviglioso ed estremamente efficace. Le cifre annunciate oggi non sono solo numeri freddi. Significano che 10 milioni di persone sono vive perché avete ballato per la vita».
E i risultati ottenuti: «Le cifre significano che 20 milioni di bambini vanno a scuola perchè abbiamo suonato le nostre chitarre. 5 milioni di orfani saranno accuditi perchè abbiamo cantato per la gioia. 600.000 persone ogni anno non moriranno più a causa della malaria». Poi i ringraziamenti: «Voi avete fatto tutto questo. Vi abbiamo invitato a una lunga marcia e voi siete arrivati fino in fondo. Tante grazie, milioni vivono grazie a voi, la gente di Live 8».