IL GENERALE ESPOSITO PER GLI 007 E CANTALUPO ALLE FIAMME GIALLE

Cambio di vertice all’Aisi, l’agenzia informazioni e sicurezza interna. È il generale Arturo Esposito (nel tondo), attuale capo di Stato maggiore dell’Arma dei carabinieri, il nuovo direttore dei servizi segreti italiani. Napoletano, 63 anni (43 dei quali passati in uniforme) il generale ha retto i comandi provinciali dei carabinieri di Foggia e Bologna, quelli della «Legione Sicilia» e dell’interregionale «Culqualber». Esposito prende il posto del generale Giorgio Piccirillo, che lascia l’incarico dopo i quattro anni previsti. La nomina è stata fatta dal presidente del Consiglio su parere del comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica. E da ieri anche la Guardia di finanza ha un nuovo comandante: è il generale Saverio Cantalupo che sostituisce Nino Di Paolo. Il nuovo comandante è stato indicato sempre dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Economia di concerto con il ministro della Difesa. La cerimonia del passaggio di consegne tra Cantalupo e Di Paolo avverrà giovedì prossimo all’Aquila, durante le celebrazioni per il 238/o anniversario della fondazione del corpo. Plausi alle nomine sono giunti dal presidente del Copasir Massimo D’Alema e dal capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto.