Generali e Unicredit trasferiscono le quote

Schema28

Generali e UniCredit hanno trasferito le rispettive partecipazioni, entrambe pari al 6,67%, in Schema28, holding di controllo di Autostrade, alle controllate Generali Vita e Unicredit Banca d’Impresa. Entrambe le operazioni, che avevano come obiettivo dichiarato un’«ottimizzazione del patrimonio» sono avvenute a valori di mercato e non dovrebbero dar luogo a effetti rilevanti sul bilancio consolidato. L’operazione di Generali è avvenuta il 31 luglio quando Autostrade, unico asset di Schema28, ha chiuso con un prezzo di riferimento di 21,85 euro. La plusvalenza ipotizzabile per la capogruppo è nell’ordine dei 328 milioni. L’operazione di UniCredit è avvenuta lo scorso 7 luglio quando il titolo Autostrade ha chiuso le contrattazioni a 22,21 euro. La potenziale plusvalenza per UniCredit è quantificabile intorno ai 335 milioni di euro rispetto a un valore di carico di 88 milioni.