Il genio di Coco «veste» il Ducale

Curiosità e primi visitatori per la mostrav del fascino. È stata inaugurata ieri a Palazzo Ducale (Loggia degli Abati) la mostra «Cocodesign» dedicata ai cinquant’anni di attività di Gabrielle-Coco Chanel, dagli inizi di carriera come disegnatrice di cappellini al trionfo dell’essenziale tailleur che da lei prende nome, passando attraverso l’industria profumiera.
Un evento che rompe un po’ gli schemi con le mostre «tradizionali» quello proposto fino a fine mese da Palazzo Ducale e realizzato grazie all’iniziativa della Facoltà di Architettura dell’Università di Genova, del Comune e dei Magazzini del Design, con il contributo di Regione e Provincia è realizzata da Palazzo Ducale. I curatori, Marco Condotti e Francesca Stabilini, hanno voluto allestire un percorso che vada oltre l’esposizione degli abiti e che sfrutti anche pannelli, fotografie e filmati in grado di raccontare un’intera epoca attraverso il genio di Coco Chanel. La rassegna esplora il periodo storico che va dal 1920 alla fine degli anni Sessanta mettendo in evidenza i gusti e le mode di quegli anni. Si sviluppa in sette sale per circa 500 metri quadrati d’esposizione dove il visitatore può, attraverso abiti, ricostruzioni video e audio, immergersi nello spirito delle varie epoche attraversate dalla moda di Chanel. La mostra si può visitare gratuitamente dal martedì alla domenica, dalle 17 alle 22, unico giorno di chiusra, il lunedì.