Il genio del piccolo Mozart nelle mani di Pierre Bouyer

La copertina di Mozart, Londres 1764. 1764 significa che il ragazzino aveva 12 anni e i pezzi sono stati tutti scritti entro quella data; voi li ascoltate e vi sentite bravi perché siete sicuri che se l'aveste incontrato vi sareste accorti sùbito che era un genio e un genio simpatico. La carrozza sta per significare invece come e quanto viaggiava, di corte in corte, di nazione in nazione; e gli piaceva andare via di corsa, anche se le panche erano un po’ dure e, scriveva, «alla fine viaggiavamo con i culi sollevati e presumibilmente rossi», Pierre Bouyer, pianista di brillante comunicativa, se n'è forse troppo lasciato influenzare e cavalca le tenere, pensose e trascinanti composizioni a capofitto. C'è anche un altro suo cd: Paris 1778.

Pierre Bouyer Mozart, Londres 1764 (DIL 5)