Genitori e bimbi in corteo per avere più sicurezza

«Siamo invasi da baby gang, borseggiatori, prostitute» e «sommersi dalla sporcizia che si accumula davanti ai phone center di via Gaffurio e Petrella». Quello che chiamano «l’apice del delirio», infine, si raggiunge il martedì e il sabato, quando c’è il mercato e le parole d’ordine sono sporcizia e degrado: «Il Comune deve spostarlo». Richiesta ribadita, a partire dalle ore 19, al corteo organizzato dalle associazioni dei residenti di via Benedetto Marcello. Una manifestazione pacifica «per protestare contro lo stato di abbandono delle nostre strade» e chiedere «più sicurezza nel quartiere». Le associazioni Benedetto Marcello e Le vie dei musicisti hanno radunato i partecipanti tra via Scarlatti e via Vitruvio, dove hanno distribuito ai bambini gelati e mille palloncini bianchi con la scritta «No al degrado». E proprio i bimbi hanno aperto il corteo di 150-200 persone, che ha percorso le vie Gaffurio, Gomes, Mercadante, Tadino, Vitruvio, Benedetto Marcello, San Gregorio, Settala e Scarlatti.
I residenti aspettano che il Comune faccia partire il progetto di riqualificazione sopra il parcheggio sotterraneo dove «la cooperativa ha già finito i lavori e ha messo a disposizione oltre un milione di euro per la risistemazione dell’area in superficie». Vogliono il contenimento del mercato, un presidio fisso e una stazione mobile della polizia, per contrastare la prostituzione, furti e tossicodipendenti.
Alla manifestazione hanno partecipato anche il vicesindaco Riccardo De Corato, il capogruppo milanese della Lega Matteo Salvini e il consigliere della Lista Ferrante e coordinatore dei comitati di quartiere Carlo Montalbetti. «Siamo nel cuore di Milano - sottolinea Montalbetti -, una delle zone più popolate della città. Non è tollerabile la disattenzione dell’amministrazione che non riesce nemmeno ad usare le risorse messe a disposizione dai privati per avviare un processo di riqualificazione per dare spazio e verde a disposizione dei bambini del quartiere». «Ben venga la gente che scende in piazza - afferma invece Salvini -, i casi di viale Monza o Chiaravalle dimostrano che purtroppo i problemi di Milano sono così tanti che chi scende in piazza ha più probabilità di risolverli prima. La Commissione Sicurezza di cui sono presidente ha già all’ordine del giorno la questione di via Benedetto Marcello, la affronteremo al più presto». Il vicesindaco ha assicurato che verranno piazzate telecamere nel quartiere e ha ribadito che «lo spostamento del mercato da via Benedetto Marcello a via Andrea Doria è già stato approvato e pianificato dal Comune, ma gli ambulanti non sono una categoria facile e il Comune ha il dovere di trattare»