Il Genoa ad Ascoli riparte in Coppa senza mezza difesa

Oltre allo squalificato Bega, mancherà Masiello, infortunato

L'emergenza in difesa continua. E anche ad Ascoli questa sera (ore 20,30 arbitro Valeri di Roma) per il secondo turno ad eliminazione diretta della Coppa Italia, Gian Piero Gasperini si ritroverà con gli uomini contati. Oltre alla prevista squalifica di Bega e all'assenza per infortunio di Bovo, non ci sarà nemmeno Masiello, che era destinato a partire titolare al Del Duca.
Ieri pomeriggio alla rifinitura a Pegli il difensore, designato per sostituire proprio Bega, ha riportato un infortunio al retto femorale della coscia destra che lo ha escluso dall'elenco dei convocati nei quali è stato invece inserito il giovane Andrea Signorini. La difesa dunque appare obbligata con le conferme di Stellini e Santos e con il rientro di De Rosa, reduce da un infortunio e dalla squalifica in Coppa. «È un momento così - ha commentato Gasperini - non ci sono molte possibilità di ruotare i giocatori in difesa. È vero, rispetto all'anno scorso ho avuto qualche problema in più dal punto di vista numerico per via degli infortuni. Certo in questa stagione invece i nuovi si sono inseriti subito e meglio nel gruppo».
Tra i convocati torna Marco Rossi non ancora al meglio mentre si andrà a sedere in panchina Juric uscito acciaccato dalla sfida con il Grosseto. Novità invece in attacco come annunciato dallo stesso tecnico prima della partenza per le Marche. «A Papa Waigo convocato martedì nella sua nazionale - ha commentato - voglio evitare di giocare quattro partite in poco tempo e quindi si riposerà». Spazio allora a Leon e al «Pennellone». «Gasparetto ha lavorato molto bene finora ed è stato in parte eclissato dalle belle prestazioni di Borriello - ha continuato. Anche lui merita spazio e lo avrà».
Poi l'introduzione al match. «Questa è una partita vera. Noi avremmo preferito giocarla di pomeriggio per entrare nel clima che vivremo con l'inizio del campionato, ma ciò non è stato possibile per la loro ferma volontà di giocare alla sera forse anche per fare cassa. E questo la dice lunga su quanto sentano la partita - ha affermato l'allenatore rossoblù - Sono reduci da un importante successo in trasferta ad Avellino. Sarà la prima partita davanti al loro pubblico e ci tengono a fare bene. Hanno dei valori assoluti importanti, quelli di una squadra che, appena retrocessa in serie B, vuole subito tornare in A. Penso a giovani come Guberti, a Soncin in attacco. È sicuramente un test importante per noi e io chiedo alla squadra la stessa personalità che ha mostrato fin qui con il Torino e anche con il Grosseto».
L'incontro - per il quale la questura di Ascoli Piceno ha rinnovato l’invito a non presentarsi allo stadio senza biglietto, visto che non sarà aperto alcun botteghino nei pressi del campo - sarà diretto dall'esordiente Paolo Valeri della sezione di Roma. Chi supererà il turno se la vedrà con l'Atalanta il 29 agosto.
Intanto sul fronte del mercato è stato praticamente definito il passaggio di Beppe Greco in prestito al Chievo. Il direttore sportivo Sartori ha infatti vinto la concorrenza di Piacenza ed Avellino assicurandosi il giocatore per la prossima stagione. Continua anche la corte spietata del Bologna per Adailton mentre sul fronte del brasiliano Danilo ci sono da segnalare le dichiarazioni del tecnico Gasperini. «Ha lavorato con noi - ha detto - credo che resterà. Per il suo impiego ci sono solo problemi di tesseramento».
E a proposito di tessere la campagna abbonamenti prosegue a gonfie vele superata quota 19mila e ora l' obiettivo 20mila indicato ad inizio estate dal presidente Preziosi è dietro l'angolo.