Un Genoa da corsa Ferrari atteso ex: «Se segno, esulto»

Un Genoa da corsa che non deve ripetere gli errori di Palermo. Gasperini è tornato più volte sull’ultima di campionato contro Ballardini: «È praticamente impossibile riuscire a ripetere nell’arco di una stessa partita tutti quegli errori che abbiamo commesso». Anche contro la Roma il modulo non cambia, fedele ai suoi convincimenti, il tecnico schiera le tre punte con i due esterni che devono presidiare l’intera fascia, dubbio Gasbarroni-Palladino, favorito il secondo. In mezzo probabile l’utilizzo fin dal primo minuto di Rossi che garantisce maggior copertura. Gasperini dell’avversario non parla mai e non ha fatto eccezione neppure questa volta, ha in mente un Genoa che punterà molto sulla velocità e le doti realizzative del Principe Milito. Il tecnico vuole tre punti, il pari non serve, peraltro il Genoa non pareggia in gare ufficiali dall’1-1 a Marassi con l’Inter del 19 marzo scorso, da allora sei vittorie e sette sconfitte. L’ex giallorosso Ferrari ha già detto cosa farà: «Se segno, esulto. Nessun problema».